Il mito di Ero e Leandro

Con i continui sbarchi di profughi sulle coste del Mediterraneo, sorge spontanea la domanda su cosa sia oggi l’Europa e ci si interroga sul suo passato e sulla sua origine.
In questa direzione va la riflessione verso il Mito di Ero e Leandro, nato e sviluppatasi nel Mar Mediterraneo.

Ero e Leandro sono i protagonisti della tragica vicenda narrata da Ovidio nelle “Eroidi”.
Di loro si narra che Ero era una giovane sacerdotessa di Afrodite presso Sesto, mentre Leandro era un romantico e impavido abitante di Abido, ubicata sull'altra riva dell'Ellesponto.
Il primo incontro tra Ero e Leandro avvenne in occasione di una festa organizzata in onore di Afrodite.Tra i due giovani scoppiò subito un amore intenso e cocente ma Ero, avendo deciso di dedicare e consacrare la propria vita alla capricciosa dea dell'Amore di cui era sacerdotessa, fu costretta a mantenere segreta la passione che la legava al giovane Leandro. I due escogitarono un piano per riuscire ad incontrarsi clandestinamente e concedersi l'una all'altro: Leandro, infatti, con il favore di una luce posta sulla finestra dell'amata, ogni notte attraversava l'Ellesponto a nuoto, fino a raggiungere l'altra sponda in cui abitava Ero.
Ero, per aiutarlo ad orientarsi, ogni sera accendeva una lucerna, ma in una notte di tempesta la lucerna si spense e Leandro morì tra i flutti
Ancora oggi miriadi di lucerne continuano a spegnersi nel Mediterraneo e come Ero con il suo amato, anche le Guardie Costiere all’alba avvistano i corpi senza vita sulla spiaggia.
Il Mare diventa così il ventre della balena che inghiotte vite con un passato, il cui presente è stato annientato e a cui il futuro è stato negato. Ma se Virgilio o Ovidio avrebbero imputato la tragica fine dei loro personaggi al fato, qui le cause sono da ricercare solo ed esclusivamente nell’Uomo, nei suoi Governi e nelle sue Politiche.
Leandro rimase in acqua, senza punti di riferimento utili e andò incontro ad una terribile morte per annegamento.
Il giorno seguente, Ero scoprì il cadavere dell'amato e, vinta da un'insopportabile morsa di dispiacere e dolore, si tolse la vita gettandosi giù dalla torre.
Così dal tema delle migrazioni il passo è breve nella volontà di raccontare un viaggio epico
A cosa sono valsi i secoli di migrazioni in un Oggi in cui la cara e vecchia Europa appare una landa desolata e completamente alla deriva in cerca di un’identità in cui riflettersi?



Ero e Leandro a teatro





libretto da cui sono state prelevate perle d'amore



















gemelli da uomo














Dialogo tra Ariofarne ed Ero. dettaglio collana



dettaglio collana dialogo






Nessun commento:

Posta un commento